Menu

Comunicati

comunicati

EDIZIONE ZERO PER IL METALLO VILLANO OPEN AIR 2019 A GENOVA

metallo villano 2019 

Si terrà a Genova, all’interno del parco della Villa Durazzo Bombrini in Via Ludovico Antonio Muratori 5, la prima edizione del Metallo Villano Oper Air, promossa dalla stessa Metallo Villano Agency.
Moltissime le band che parteciperanno a questa edizione provenienti dalla scena musicale genovese e torinese. Il festival inizierà alle ore 15 e la scaletta è la seguente:

- Liquor Store

Rebels Under Rain

- Tornado

- Hilldale Shock

Hounds

- Loculo

- Powerdrive

- Hateworld

- Stato Dassedio

- Necrodeath

Ricordiamo inoltre che l’ingresso al festival è totalmente gratuito!

Per info e altro potete seguire l’evento sulla pagina fb
https://www.facebook.com/events/1062514560609130/

 

Marco Lopopolo

CARA CALMA IL NUOVO VIDEO E DATE

cara calma nuovo video e date
Esce il nuovo video della band Bresciana Cara Calma - Universo ( Luca Romagnoli) tratto dal disco SOUVENIR (Phonarchia Dischi/Cloudhead Records).

Il disco è stato apprezzato tantissimo dalla critica e attualmente la band è in tour per presentare il nuovo lavoro in tutta Italia, aprendo anche vari concerti ad alcuni artisti: Fast Animals and Slow Kids, Ministri, Omar Pedrini, I Hate My Village e Punkreas.
Queste le prossime date, in collaborazione con Tube Agency

Ecco qui le date aggiornate:

13/07 – Home venice, venezia
14/07 – A tuscia birra, montefiascone (vt)
19/07 – Festa della birra di san claudio, corridonia (mc) w/ Punkreas
26/07 – Uk dave, martinengo (bg)
27/07 – Parco roccolo, san giustino (pg)
28/07 – Clear mountains festival, montichiari (bs)
01/08 – Festa di bosco albergati, castelfranco emilia (mo)
02/08 – Filagosto festival, filago (bg) w/ Ministri

BIOGRAFIA

Cara Calma presentano Souvenir l’8 marzo 2019: secondo capitolo di un gruppo nato da quattro storie di vita e di musica, diventate una cosa sola per non abbassare mai il volume.
Insieme dai primi giorni del 2017, i Cara Calma sono Gianluca (ex UponThisDawning), Cesare (ex My Breathing Harmony), Fabiano (ex My Breathing Harmony e Koen) e Riccardo. Quattro esistenze musicali diverse e distanti: mentre Gianluca calcava importanti palchi statunitensi grazie al contratto discografico con la label californiana Fearless Records, Cesare e Fabiano erano protagonisti di un interessante progetto post-hardcore spacca muri. 
L’incrocio delle loro strade porta in poco più di un anno al disco d’esordio, co-prodotto da Karim Qqru (The Zen Circus): Sulle Punte Per Sembrare Grandi, uscito per Cloudhead Records / Phonarchia Dischi. 

Social e info della band
instagram.com/caracalmaband/ 
facebook.com/caracalma/  

William Mambelli l'arte nell'anima

william mambelli l'arte nell'anima

William Mambelli è nato in provincia di Ferrara, in un ambiente totalmente estraneo al mondo dell'arte. Nella pubertà sentì il desiderio di far parte del mondo dello spettacolo, un segreto che una volta rivelato, che per decenni lo rese un bersaglio di derisione perpetua, sia dentro che fuori la famiglia.

William non ha mai potuto seguire l'approccio scolastico musicale, così da autodidatta, ha sperimentato vari generi musicali, sviluppando nel tempo, il suo stile in continua evoluzione. Ha scritto testi che rompono le metriche poetiche e non si occupa di temi sociali, ma degli interni dell'universo umano.

Ora suona con il metal e il genere hard rock con influenze nere atmosferiche, costruito su una potente chitarra ritmica e una voce solida dominante, con un timbro vocale basso e ruvido.

I testi futuristi sono ispirati all'ideale del superuomo come il superamento dell'alienazione umana.Una collaborazione con il bassista e arrangiatore Francesco Preziosi ha portato alla realizzazione dell'opus Kein, un album di 12 tracce, 10 delle quali sono state scritte dallo stesso William con gli altri 2 dal batterista e arrangiatore Antonio Aronne.


Kein | Released TBA 2019 via Sliptrick Records

Kein are:
William Mambelli – Vocals/Guitar | Francesco Preziosi – Bass | Antonio Aronne – Drums

Band links: Facebook | On Sliptrick

 

 

Ancora full per Umbria Jazz 2019!

umbria jazz fa il pieno per il 2019 

Ancora un anno spettacolare per la nuova edizione di Umbria Jazz 2019. Le prevendite dei biglietti sono state, anche quest’anno, molto incoraggianti quasi al pari del 2018.

Lo scorso anno si sono venduti circa 35.000 biglietti e ormai, la consolidata kermesse, è più che avviata e si cerca di raggiungere, anno dopo anno, una qualità sempre maggiore.

Iniziato ieri 11 luglio, il celebre festival umbro ha visto sul palco i “Con Brio” che hanno ufficialmente aperto l’anteprima di questa nuova edizione. Stasera invece sarà la volta di Robben Ford Band/Gazzè, Britti, Katchè, Boltro che apriranno ufficialmente la quarantaseiesima edizione; una serata da non perdere.

Il festival proseguirà fino al 21 luglio e vedrà susseguirsi sui palchi Paolo Conte, Michel Camilo, Geroge Benson, Richard Bona, King Crimson e tantissimi altri eventi correlati al festival umbro.

Per maggiori informazioni su biglietti, orari e altro potete visitare il sito ufficiale www.umbriajazz.it!

 

Marco Lopopolo

SLAYER SIMPATIZZANO PER TRUMP

slayer simpatizzano per trump

Ormai, è risaputo che la band Slayer non è davvero la band a cui rivolgersi quando si ha bisogno di un dialogo riflessivo.

Anche se sarebbe facile vedere la band come un'entità incline alla sinistra con tutte quelle canzoni sulla guerra che sono orribili e, sai, tutta la faccenda di Satana…

La band ha avuto una lunga storia di ostilità per la sua natura conservatrice e non ingiustamente.

È iniziato con una delle canzoni più famose della band, "Angel Of Death", servendo come traccia d'apertura dell'iconico album del 1986 della band Reign In Blood, "Angel Of Death" è una canzone sulle atrocità commesse da Josef Mengele alla concentrazione di Auschwitz campo.

La band avrebbe catturato ulteriore attenzione nel 1996 per la cover della canzone più malvagia di Minor Threat, "Guilty Of Being White."

Notoriamente, la band cambiò la riga finale in "Colpevole di aver ragione", che prese una canzone già dubbia e la spinse in un inno nazionalista bianco. Attraverso tutto ciò,la band ha ripetutamente negato di essere razzista, citando che "Angel Of Death" è simile a un documentario, o usando il fatto che il vocalist-bassista Tom Araya è di discendenza cilena.

Ad ogni modo, ecco una foto del defunto chitarrista degli Slayer, Jeff Hanneman, che ha scritto "Angel Of Death" dando il bianco power power.

Non mancano le critiche da parte dei fan riguardo a dei commenti scritti su alcuni social dal chitarrista della band che afferma di nutrire un enorme simpatia nei confronti dell’attuale presidente Trump.

 

Lorenzo Stentella

Seguici su