Menu

Comunicati

comunicati

THE WHITE BUFFALO | Ospite d’eccezione in apertura alle due date italiane DR. FEELGOOD & THE BLACK BILLIES

The White Buffalo è pronto per tornare ad emozionare il pubblico italiano la prossima estate per due date esclusive, che vedranno in apertura come ospite d’eccezione Dr. Feelgood direttamente da Virgin Radio con la sua band The Black Billies. I due appuntamenti saranno martedì 16 luglio al Carroponte di Sesto San Giovanni (MI) e mercoledì 17 luglio ad Astimusica. I biglietti sono disponibili sui circuiti ufficiali Ticketone e Mailticket per la data milanese, solo su Ticketone per la data di Asti.
 
The White Buffalo, con la voce oscura e vibrante di Jake Smith, sarà in Italia reduce dal successo del suo ultimo album Darkest Darks, Lightest Light. Country, blues, rock’n’roll e soul nell’unica voce di un artista puro, definito da molti come la versione intimista di Eddie Vedder e Bruce Springsteen, in grado di raccontare miti, storie di delinquenti, ubriaconi e reduci di guerra senza mai perdere un briciolo di intensità. The White Buffalo nel corso del tempo si è guadagnato non solo l’apprezzamento del pubblico, ma anche il riconoscimento della critica attraverso la sua musica autentica e reinterpretazioni di grandi classici della musica tra cui House of The Rising Sun. Le composizioni di Smith sono state scelte anche come colonne sonore e sono state inserite in serie televisive tra le quali Sons of Anarchy, Californication e The Punisher.

In apertura Dr. Feelgood & The Black Billies con un’esplosione di honky tonk, hillbilly, blues e rock & roll, in due parole: Hillbilly Rock! La band celebra le radici della musica americana, con un repertorio basato sulle canzoni originariamente eseguite da artisti della prima generazione rock & roll come Buddy Holly, Fats Domino e Elvis Presley, da star del country come Johnny Cash, Hank Williams, Webb Pierce, del blues come Lazy Lester e Slim Harpo e da nomi storici del bluegrass come Bill Monroe e Flatt & Scruggs.

 

 
 

THE WHITE BUFFALO
Special Guest DR. FEELGOOD & THE BLACK BILLIES
 
Martedì 16 luglio  - Carroponte - Sesto San Giovanni (MI)
Biglietto: € 23,00 + prev. / € 28,00 in cassa la sera del concerto
TicketOne: bit.ly/TheWhiteBuffalo_T1
Mailticket Italia: bit.ly/TheWhiteBuffalo_Mailticket
 
Mercoledì 17 luglio - AstiMusica - Asti
Biglietto: € 20,00 + prev. / € 25,00 in cassa la sera del concerto
TicketOne: http://bit.ly/TWB_Asti
 
 
info su www.baganamusic.com
 

CARL ANTHONY LORENZ "NON MI PERDO UN ATTIMO"

CARL ANTHONY LORENZ

NON MI PERDO UN ATTIMO”

È IL NUOVO BRANO DEL GIOVANE CANTAUTORE VICENTINO

Suoni anni ‘90 e suoni contemporanei si fondono in un brano che pone una lente d’ingrandimento sull’uso smodato dei social network.

Non Mi Perdo Un Attimo è una canzone che mobilita un’invettiva contro l’eccessivo uso dei social network e di quanto questi si siamo prepotentemente inseriti nella nostra quotidianità. La canzone è costruita su un break di batteria simile a quello che si trova nella musica hip-hop e trip-hop dello scorso secolo, accompagnata dalla chitarra acustica e da una Seaboard (un synth di nuova generazione). La produzione di questa canzone è stata ispirata da artisti come Ed Sheeran, The Last Shadow Puppets, Subsonica ed Eugenio in Via di gioia. La canzone è stata prodotta, e mixata presso gli studi di Soundoors da Carl Anthony Lorenz. Il mastering e stato affidato a Christian Wright ed è stato fatto dentro ai famosissimi Abbey Road Studios.

Carl Anthony Lorenz è un giovane cantautore vicentino. Nato come chitarrista, ha militato negli ultimi 10 anni in numerose band del vicentino, dove è stato anche autore dei brani. La sua collaborazione come tastierista e tecnico del suono con il chitarrista Marco Angelo, lo hanno portato ad affrontare numerose tournée internazionali in Inghilterra, Galles e Giappone.

Nel 2018 inizia la sua carriera da solista, dall’esigenza di scrivere un diverso tipo di musica. Ispirato dall’avvento di artisti come Ed Sheeran e Mumford & Sons, il suo suono è basato principalmente da una chitarra acustica e dalla sua voce baritonale. Altri artisti da cui prende ispirazione per le sue canzoni sono Arctic Monkeys, Tom

Morello e Subsonica, ottenendo un sound che affonda le sue radici negli anni 90 con l’aggiunta di contaminazioni contemporanee. Carl nei suoi brani parla principalmente della quotidianità, soprattutto dal punto di vista delle emozioni, che ci regala questa società alienata. Ad Ottobre 2018 esordisce con il suo primo singolo “Vento” canzone che parla di tutto quello che ci imprigiona: lavoro, social, smartphone e aspettative verso cose superflue, che comunque compriamo. Elementi supreflui che tolgono l’attenzione dal nostro presente.

 

 

Contatti e social

 

spotify  https://spoti.fi/2K8t05l

itunes https://apple.co/2TiLWlU

facebook http://bit.ly/2wfNuTO

instagram  http://bit.ly/2zT9c1a

deezer http://bit.ly/2DGgQ3e

tidal http://bit.ly/2DrkahA

napster http://bit.ly/2TbfgLc

Amazon https://amzn.to/2WX7Ht4

iTuneshttps://apple.co/2HxBymM

 

I Mandolin’ Brothers in studio per festeggiare i 40 anni di attività, è partito anche il crowdfunding

Da 40 annion the road”, i Mandolin’ Brothers sono una delle più longeve ed interessanti band di “American Music” italiane. Lo confermano le tante collaborazioni e i successi sugli svariati palchi italiani, europei e statunitensi. Dal 1979, infatti, Jimmy Ragazzon e Paolo Canevari – i due storici fondatori – si divertono e fanno divertire il pubblico nei loro spettacoli dove - oltre ad una grande offerta musicale rivista in chiave molto personale, ma certamente contaminata dalle passioni per il blues, Bob Dylan, Little Feat, Rolling Stones su tutti – presentano testi di assoluto livello perché per loro la musica è, anche, comunicare con parole e non solo con le note.

Se le esibizioni live sono state veramente tante, molto più parsimoniosa è stata l’attività in studio, poiché la politica dei Mandolin’ Brothers è sempre stata quella del “pochi ma buoni”, ovvero non ci sono obblighi ma il disco deve nascere e crescere con calma, solo quando è il giusto momento, con risultati sempre eccelsi.

La band ha, così, deciso che è arrivato il momento giusto e sempre con l’aiuto dell’amico Jono Manson sono tornati in studio – il Downtown Studio di Pavia – per mettere su nastro il loro sesto album, pubblicato da Martiné Records dopo il mixaggio finale verrà distribuito ancora da IRD nel prossimo autunno, con il consueto contributo grafico e dell’ufficio stampa di A-Z Blues.

Per fare questo i Mandolin’ Brothers hanno aperto un crowdfunding che aiuti a contribuire alle spese di registrazione alla quale i fans e gli amici della band potranno partecipare aggiudicandosi, oltre all’album autografato, tante tipologie di gadget aggiuntivi e diversi.

POLIESTERE IL 45 D'ESORDIO DEL PUGLIESE GIANETO

Esce venerdì 19 aprile

POLIESTERE

Il Digital 45 d’esordio

del giovane cantautore pugliese

Contiene i brani POLIESTERE e AL VERDE

(Disponibile su tutte le piattaforme streaming e in digital download)

 

Esce venerdì 19 aprile “Poliestere” (Phony Art Records/Believe Digital), il Digital 45 che segna l’esordio del giovane cantautore pugliese GIANETO (disponibile su tutte le piattaforme streaming e in digital download).

GIANETO, alias Mario Terrone, classe 1997, con Poliestere  si presenta sulla scena musicale nazionale. Entrambi i brani contenuti nel digital 45, registrato presso i Sorriso Studios di Bari e prodotto dallo stesso Gianeto con Tommy Cavalieri, sono un riflesso “puro”, senza filtri o sovrastrutture, del pensare e del sentire di questo giovane artista. Una rappresentazione immediata dell’idea della vita e dell’approccio al mondo di un ventenne italiano con la sua personalità e le sue sfaccettature caratteriali.

Poliestere” è il rifiuto di un’estate intesa come l’aggrovigliarsi di corpi, viaggi, scelte, problemi. Non resta quindi che ignorare il mondo e “viaggiare” restando sul tetto a prendere il sole. Il video, realizzato da FISHLYT, astratto e “caotico”, è la perfetta sintesi grafica di questa visione alternativa e “allucinata” di Gianeto.

“Al verde”, invece, è una riflessione sincera su un particolare momento di vita di un giovane uomo in bilico tra esperienze passate e attese per il futuro. è tempo di crescere ma lasciare il rifugio sicuro che è il proprio mondo e il proprio presente spaventa, eccome.

GIANETO, al secolo Mario Terrone, nasce a Bari il 30 settembre 1997 e attualmente studia ingegneria informatica.  Il suo nome d’arte affonda le radici nell’infanzia: appassionato di astronomia, avrebbe voluto scoprire un pianeta tutto suo e dargli un nome originale ed unico. Trovata una luna di Saturno che si chiama Giapeto, ne ha modificato il nome trasformandolo in Gianeto, come sinonimo di un “pianeta”, il suo mondo, non ancora strutturato ma in continuo divenire. Sin da piccolo suona chitarra e pianoforte e compone i suoi primi brani. Nel corso della sua giovane esperienza, è stato membro di due band (Zero e Blue Tide) con le quali ha avuto modo di sperimentare diversi generi musicali (rock, indie-rock e folk). Negli ultimi anni, ha maturato una diversa sensibilità musicale, approfondendo lo studio dei sintetizzatori e iniziando a comporre la sua musica con l’uso esclusivo di questi strumenti. La sua produzione, infatti, nelle sonorità rispecchia perfettamente gli ascolti di Gianeto: si passa dai suoni della musica estera a quella italiana con i cantautori contemporanei a cui si ispira di più, come Cosmo, I Cani, Frah Quintale, Calcutta, Canova.

N.A.N.O BIONDA E DISPERATA Il NUOVO ALBUM

BIONDA E DISPERATA" è il nuovo album di N.A.N.O, disponibile su Spotify, iTunes e tutte le principali piattaforme digitali per FIABAMUSIC e SOVIET STUDIO.

N.A.N.O. è il progetto solista di Emanuele Lapiana, già membro e fondatore dei C.O.D., con cui pubblica "La Velocità della Luce" e "Preparativi per la fine", due dischi diventati dei capisaldi all'interno della scena musicale indipendente italiana, e del duo Lovecoma, grazie a cui sperimenta linguaggi ed estetiche industrial pop. Nel 2008 viene pubblicato "Mondo|Madre", il primo disco ufficiale di N.A.N.O. che riscuote fin da subito grande successo portandolo ad essere candidato per il premio Fuori dal Mucchio. L'anno successivo Lucio Dalla esprime il desiderio di fare una propria versione del brano "L'Assenza" contenuto nell'album.
Nel 2011 pubblica "I racconti dell'amore malvagio", lavoro in cui duetta con importanti personaggi della scena musicale italiana, in particolare con Pacifico, Max Collini, Sara Mazo e Federico Fiumani. Nel 2015 fonda "O Suono Mio", agenzia di comunicazione sonoa specializzata in colonne sonore e sound branding. Dopo aver curato la ristampa di alcuni lavori di C.O.D. e Lovecoma, il N.A.N.O. è pronto a ritornare con il suo nuovo progetto discografico "Bionda e Disperata". 

"Bionda e Disperata" è un lavoro che si presenta senza la pretesa di essere applaudito: puro, crudo, così come lo stato d’animo che lo accompagna. Una scelta, un’intenzione precisa, il rifiuto della musica come accessorio, come sottofondo. L'utilizzo del field recording lungo tutti i brani che compongono il disco ne sottolinea il carattere intimo e chiede la nostra attenzione: come la fotografia di una folla danzante, immortala dettagli che sfuggono ad una prima occhiata e ascolto.
L'artwork del disco (un dipinto dell'artista sud coreano Gyo Boum An) ne rappresenta in pieno il mood: un volto in contemplazione subisce pennellate impulsive, variopinte, che se da una parte lo accecano, dall’altra gli fanno da caleidoscopio.
Il titolo ne rappresenta il contenuto. Alcuni brani dalle venature dark e introspettive (cop, Bedford, quandolam) cui fanno da contraltare canzoni più "bionde" come Moravia (citazioni consapevole di Battiato) o la caraibica "MA".
L'artista trentino sceglie di rappresentare questa realtà in mutamento, artistico, politico, sociale come uno schianto creativo costellato di molte collaborazioni e sound diversi che danno ad ogni brano un colore differente. "Bionda e disperata" è un lavoro autobiografico ma non dipinge solo il profilo autoriale: la nostra vita è indissolubilmente legata all’esterno, dove ad una società che cambia corrisponde un individuo in costante divenire, tanto da essere quasi irriconoscibile ai suoi stessi occhi.
E’ l’elaborazione intima del cambiamento del nuovo millennio in una chiave diversa dalle altre presenti nella scena musicale: con Bionda e Disperata N.A.N.O. riesce a dare uno sguardo consapevole, disilluso e divertito allo stesso tempo, di ciò che ci circonda.

Venerdì 24 Maggio N.A.N.O. presenterà il nuovo album al teatro S. Marco di Trento.
Prevendite disponibili su www.primiallaprima.it

Seguici su