Menu

CHINASKY BANDSTRIBE

 
BT) In che anno si è formata la band?
C) Nel 2001 Marco Pagot ha contattato Edo De Bastiani, poco dopo al progetto si  unito Alessandro Antonel. Sin dall'inizio era chiaro che la band aveva un potenziale a dir poco esplosiva e mi sono auto-invitata senza indugi!

BT) Quali sono i presupposti comuni del progetto?
C) 
Libertà d'espressione, volumi agghiaccianti, birra, andare d'accordo anche fuori dalla "Stanza Chinasky", emozionarsi e cazzeggiare.

BT) Quali sono i gruppi di maggiore ispirazione per voi?
C) 
Beach boys, Who, Motorpsycho, Stereolab, Neil Young, Supergrass, Serge Gainsbourg, l'elenco sarebbe infinito... Per quanto mi riguarda c' sempre stato un occhio di riguardo per artiste come Bjork, Pj Harvey e Kate Bush.

BT) Quali sono i punti cardine dei testi?
C) 
Direi che i punti cardine sono l'ironia, citazioni ai nostri autori preferiti (Fante, Bukowsky, Carver, Cheever), atmosfere psichedeliche alternate a descrizioni della nostra quotidianità.

BT) Il cinema è per voi fonte di ispirazione?
C) 
Lo  stato in alcuni episodi: ricordo un testo che ho scritto pensando a "Paura e delirio a Las Vegas".

BT) Quanto ritenete importanti le esperienze di vita per il processo di creazione artistica?
C) 
Essenziale. Scrivi e canti ciò che sei. Se scrivi di mondi lontani e di cavalli alati perchè hai bisogno di viaggiare con la mente, di stare bene in un Nordest lavoratore ma poco sensibile alla musica di qualità. Magari fai un lavoro che non ti piace, perch con la musica non si mangia, e allora suoni con l'accanimento di un pugile davanti al sacco e stai bene e alla fine non hai poi tanta voglia di tornare a casa.

BT) Parlateci dei rapporti interni della band
C) 
Non me ne vogliano i miei parenti ma i Chinasky sono stati la mia Famiglia Rock per dieci anni, nel bene e nel male. Certo che c'è stato qualche attrito, avevamo tutti delle personalità forti, ma ci siamo scelti e c'è sempre stato un rapporto schietto e profondo. Ci si mandava a quel paese e il giorno dopo amore più di prima.

BT) Quali sono i vostri impegni musicali attuali?
C) Per quanto mi riguarda esce questi giorni il singolo "Love on Tape", tratto dall'album DonnaKatya & The SuperFeed, un progetto con alcuni musicisti della scena veneta, tra i quali anche Marco Pagot e Alessandro Antonel. Marco e Alessandro hanno formato i Maya Galattici, Edo De Bastiani suona nei Pet Conspirancy (hanno sede a Pechino), Sebastiano Ziroldo suona nei Manta Rays.

BT) Cosa ne pensate del mercato musicale odierno?
C) 
Grazie ad internet le band italiane valide hanno la possibilità di farsi conoscere all'estero. Se i gruppi italiani vogliono guadagnare qualcosa, devono suonare dal vivo, i cd li vendono al banchetto dopo il concerto. Meglio se fanno gadgets di vario tipo, interessa di più. Bisogna curare l'immagine nei vari social network, siti, portali musicali, rompere i maroni quotidianamente per attirare l'attenzione, cercare di fare qualche video (perchè oggi la musica non la si ascolta, la si GUARDA su YouTube) Essendo a casa senza lavoro 2/3 dei giovani, immagino che il tempo per sbrigare tutte queste pratiche lo trovino. Scusate il velato cinismo... La situazione è comunque questa.

BT) Ricordate i vostri contatti e lasciate qualche messaggio ai lettori di Bandstribe, se volete
C) Garage Records è il nostro principale riferimento: www.garagerecords.it
Un consiglio da una DonnaRock: Giovani musicisti talentuosi: fate musica vostra, non esagerate in tecnicismi e divertitevi!

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.