Menu

GIANETO BANDSTRIBE

 

                                                             

BT) Ciao e benvenuto su BandsTribe.it.

Parliamo del tuo brano di esordio Poliestere; come nasce questo brano?

 

G) Questo brano nasce in un caldo pomeriggio d’estate. Avevo la necessità di sfogarmi e di raccontare il mio punto di vista a proposito di tutto quello a cui la gente va in contro per godersi un pò di sole estivo. Ho cercato di proporre il mio modo più semplice per trovare un pò di pace lontano dal caos.

 

 

BT) A Quale età ti sei avvicinato alla musica?

 

G) Fin da quando sono piccolo sono cresciuto affianco alla musica. Ho studiato pianoforte alle scuole medie e poi ho continuato come autodidatta. Ma solo in questo ultimo periodo ho definito la mia personale corrente musicale. Quindi sono diventato cosciente di ciò che mi piace ma, soprattutto, del genere che mi riesce facile creare.

 

 

BT) Come mai la scelta del nome GIANETO?

 

G) Il mio nome d’arte affonda le radici nell’infanzia: appassionato di astronomia, ho sempre voluto scoprire un pianeta tutto mio e dargli un nome originale e unico. Trovata una luna di Saturno che si chiama Giapeto, ne ho modificato il nome trasformandolo in Gianeto, come sinonimo di un “pianeta”, il mio mondo, non ancora strutturato ma in continuo divenire.

 

 

BT) C’è una band o un artista a cui ti sei ispirato?

 

G) Ho preso ispirazione da diversi artisti del panorama indie e pop italiano. Per citarne qualcuno: Calcutta, Cosmo, Frah Quintale.

 

 

BT) Quale messaggio vuoi rivolgere al tuo pubblico?

 

G) Vorrei raccontare nel modo più puro possibile, e senza filtri, la mia vita e il modo in cui affronto i problemi che la stessa mi mette di fronte.

 

 

BT) Parlaci di come è nata la collaborazione con Tommy Cavalieri

 

G) Il progetto con Tommy è nato per caso. Avevo i miei pezzi pronti per essere registrati e stavo trovando uno studio di registrazione. Mio padre che conosceva Tommy mi ha messo in contatto con lui. Ha subito apprezzato e sposato il progetto e così ci siamo messi d’accordo per registrare i pezzi e successivamente pubblicarli. È stato bello e divertente lavorare con lui, mi sono sentito subito in un’atmosfera molto familiare.

 

 

BT) Parlaci dei tuoi progetti futuri

 

G) Nel futuro vorrei chiudere il mio primo EP che servirà come presentazione, dato che i pezzi raccontano la mia vita e il mio modo di vedere il mondo.

 

 

BT) Hai in progetto un tour estivo?

 

G) Sono in cerca di occasioni per questa estate, mi sto muovendo per cercare di suonare il più possibile.

 

 

BT) Come è maturato l'approccio con i sintetizzatori negli anni?

 

G) Sono sempre stato affascinato dal suono dei sintetizzatori, sono sempre stato esterno a questo mondo. Ho ascoltato per molto tempo band straniere che utilizzavano queste macchine sognando un giorno di poterne avere una tra le mani. Circa 2 anni fa ho deciso che avrei messo i soldi da parte per prendermene uno e, così, una volta comprato il primo non potevo più farne a meno. Mi sono subito affrettato a trovare il mio settario perfetto e dopo averlo ottenuto mi sono precipitato subito sulla produzione. Così sono nati i miei primi pezzi.

 

 

 

 

BT) Cè' qualche messaggio particolare che vuoi quindi lasciare in conclusione ai visitatori di BandsTribe?

 

G) Spero di aver suscitato la vostra curiosità, quindi non vi dico altro che: “Provate a immergervi nel mio mondo e, se vi piace la mia musica, non vedo perchè non possiamo diventare amici.

 

 

 

 

 

Seguici su