Menu

Intervista - Aetherna

Aetherna intervista per bandstribe 

BT) Quali sono le origini della band?  
A) Gli Aetherna nascono dall'unione di amici, alcuni addirittura dai banchi delle elementari, inizia come cover band per poi subire una trasformazione iniziando a comporre pezzi originali. Il debutto più importante è stato a maggio 2017 quando abbiamo fatto da opener al chitarrista statunitense heavy metal Michael Angelo Batio. Successivamente abbiamo supportato altri artisti sempre nei dintorni della capitale. Il 18 maggio di quest'anno la nostra prima trasferta a Fabriano in supporto al Grande Pino Scotto leader dei Vanadium e non solo.

BT) Come mai la scelta di questo nome? 
A) La scelta del nostro nome e' legata principalmente al fatto che i nostri brani spaziano da tematiche piu classiche (metal anni 80/90) a sonorità progressive, quasi a testimoniare come per noi il fattore tempo sia subordinato ad altre sensazioni ed emozioni che finora ci hanno guidato verso la singolarità del nostro stile. In altre parole,  uno stile senza tempo,eterno!

BT) Quali tematiche affrontate nei vostri testi?
A) I nostri testi raccontano delle "storie" che provengono da percorsi introspettivi e convinzioni apparentemente fuori dagli schemi, il tutto ispirato da esperienze spesso vissute in contesti un po' fuori dall'ordinario. Il nostro desiderio e' quello di poter realmente condividere una visione della realtà che ci circonda secondo un nuovo punto di vista.

BT) Ci sono alcune band in particolare a cui vi siete ispirati? 
A) Sicuramente, per quanto attiene principalmente la parte musicale, esistono influenze da parte di band storiche che hanno realmente lasciato un'impronta nella storia della musica rock 80/90. Non siamo propensi all'emulazione ma allo stesso tempo orgogliosi di far rivivere nel nostro piccolo queste sonorità immortali.

BT) Parlateci dei vostri impegni live  
A) Consideriamo ogni live come una meravigliosa festa, in cui abbiamo l'occasione di divertirci, far divertire e oltretutto confrontarci ed imparare da altre band.
Il prossimo 15 giugno saremo al Langhe Rock Festival in supporto ai Lacuna Coil.

BT) Cosa ne pensate di internet come mezzo di diffusione musicale?  
A) Internet e' uno di quei pochissimi fattori che ci ricorda che il tempo in qualche modo scorre.
Sicuramente rispetto al passato, internet ha aperto porte e possibilità immense, introducendo enormi migliorie nella diffusione dell'immagine di una band.
A volte pero' il rischio e' quello che troppa "comodità" nel diffondere facilmente e velocemente della musica, vada un po' a scapito della reale qualità della musica stessa.
Occorre comunque adeguarsi ai tempi, cercando pero' di sfruttare tutte le comodità tecnologiche senza perdere di vista la propria identità ed i propri obiettivi.

BT) In particolare, quanto ritenete importante la funzione delle webzine e dei magazine come supporto musicale?  
A) Nell'era del digitale dove tutti sono "online" sono un valido strumento per supportare la scena musicale soprattutto quella underground.

BT) Quali sono i progetti futuri e presenti della band?  
A) Supportati da un'etichetta storica qual'è la Elevate Records, da pochi giorni abbiamo rilasciato la versione radio edit di un nostro pezzo "Sounds from Nowhere",del quale abbiamo fatto anche un video Lyric. Ad ottobre 2019 è prevista l'uscita del nostro primo disco ed al momento il nostro impegno e' principalmente incentrato li'.
In merito ai progetti per il futuro, seppure appena entrati in scenari davvero importanti, siamo proiettati verso contesti di respiro internazionale, insomma dovunque possa esserci pubblico "folle" che ama il metal!
Siamo sicuramente sostenuti da una forte determinazione, in virtù innanzitutto del forte legame che ci lega ormai da tempo, ma anche dovuta alla convinzione che la nostra musica possa davvero essere qualcosa di innovativo ed allo stesso tempo in continua innovazione.

BT) Quali sono le vostre impressioni riguardo alle possibilità che i locali offrono per suonare dal vivo? Ritenete siano carenti o che soddisfino le esigenze delle band?  
A) A Roma i locali dove fare musica live ormai sono pochissimi, parliamo di musica originale, la maggior parte invece predilige cover band perché attirano più pubblico, diciamo che questo non favorisce le band che vogliono far conoscere i pezzi propri.

BT) C‘è qualche messaggio particolare che volete lasciare in conclusione ai lettori di Bandstribe?
A) Amici di Bandstribe, vi aspettiamo ai nostri live e comprate il disco non appena uscirà.... (Risate)

Seguici su