Menu

Torna il grande Blues a Spazio Teatro 89

 

con i festeggiamenti dei primi 10 anni dei

T-Roosters il 13 gennaio e le chitarre dei

Blues Guitar Heroes di Bazzari e Gnola il 20

Nell’auditorium di via Fratelli Zoia 89 riprendono gli appuntamenti della rassegna “Milano Blues 89”:  sabato 13 gennaio è in programma il concerto dei T-Roosters, che festeggeranno i dieci anni di vita
con un live a tutto groove, mentre 
sabato 20 gennaio largo a Claudio Bazzari
 e Maurizio “Gnola” Glielmo, chitarristi di grande talento

Tornano gli appuntamenti con la musica dal vivo allo Spazio Teatro 89 di Milanosabato 13 gennaio (ore 21.30, ingresso 10-13 euro) è in programma il concerto dei T-Roosters nell’ambito della rassegna “Milano Blues 89”. Sul palco dell’auditorium di via Fratelli Zoia 89, la formazione milanese festeggerà i primi dieci anni di vita con un’esibizione a tutto groove.
I quattro musicisti che compongono la band (Giancarlo Cova alla batteria, Lillo Rogati al basso e al contrabbasso, Tiziano Galli alla voce e alla chitarra e Marcus Tondo all’armonica) sono accomunati dalla passione per la musica nera dagli anni Cinquanta in poi e, in particolare, dall’amore e il rispetto per lo swing, il blues, il RnB, il Rocknroll, il southern e il Boogie. Tra gli artisti che hanno influenzato il loro percorso musicale ricordiamo, in particolare, T-Bone Walker, Muddy Waters, Percy Mayfield, Hollywood Fats e Chuck Berry. 
All’inizio del 2016, i T-Roosters (che hanno all’attivo collaborazioni internazionali prestigiose, tra cui quelle con Vivian “Vance” Kelly e Detroit Gary Wiggins) si sono esibiti all’IBC, l’International Blues Challenge di Memphis, qualificandosi per le semifinali, obiettivo mai raggiunto prima di loro da una band italiana. Allo Spazio Teatro 89 proporranno i brani del proprio repertorio, dal recente album “Another Blues To Shout” a “Dirty Again” , senza dimenticare “No monkey but the blues”.
In particolare, “Another Blues To Shout” è un lavoro partito da una ricerca sonora che esplora le radici della musica dell’anima e le rielabora. Un tuffo nella tradizione con lo sguardo rivolto al presente e al futuro. La sonorità profondamente blues, in cui si gioca a sottrarre e a personalizzare il linguaggio universale creato dai grandi musicisti del passato, è diventata negli anni la cifra stilistica della band ed è in continua evoluzione.
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.