Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online

Menu

AMANTYDE BANDSTRIBE

amantyde 

Gli Amantyde sono un’altra delle vecchie conoscenze dello staff di Bandstribe, visti per la prima volta sul palco del Dayshockinground 2009, con la vecchia line-up: da quest’anno, infatti, Randy e Chad hanno smesso di collaborare con la band, lasciando il posto a Dario (nuovo chitarrista) ed a Jack (nuovo batterista).L’album presenta chiari stilemi New Metal/Crossover, insieme a leggere influenze Gothic: i brani, infatti, sono tutti costruiti su mid-tempos e sul groove, con riff di chitarra semplici, ma efficaci. Tra i gruppi di maggior ispirazione, la band fa riferimento nella propria biografia a nomi come Exilia e Katatonia (a mio avviso, aggiungerei anche i Deftones ed i Mudvayne).I brani che più mi hanno colpito sono stati “Demonize Me!” (interessante l’intro con i synth ed i campionamenti), “Into The Fire” (potente e cadenzata la ritmica), “Dust Childhood” (bellissimo il ritornello), “40 Bleeding Miles Distant” (molto diretto il riff principale) e la cover del brano “What Else Is There”, del progetto electro-funk Royskopp, riproposto in chiave personale e ben interpretato (bella la prova vocale di Nicky, che in questo brano si è cimentata in sonorità generalmente distanti dal sound degli Amantyde). Pur non essendo un amante del genere, quindi, riconosco comunque che questa band Cross-Over di Treviso sa muoversi bene nelle proprie sonorità, costruendo pezzi di buona qualità, bensì semplici e privi di soluzioni ricercate, che ovviamente il genere stesso non richiede.

Titolo: Bleeding Miles

Brani: 10 tracce

Anno: 2009

Produzione: Black Fading

Contatti: http://www.myspace.com/amantyde

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.