Menu

AMANTYDE BANDSTRIBE

amantyde 

Gli Amantyde sono un’altra delle vecchie conoscenze dello staff di Bandstribe, visti per la prima volta sul palco del Dayshockinground 2009, con la vecchia line-up: da quest’anno, infatti, Randy e Chad hanno smesso di collaborare con la band, lasciando il posto a Dario (nuovo chitarrista) ed a Jack (nuovo batterista).L’album presenta chiari stilemi New Metal/Crossover, insieme a leggere influenze Gothic: i brani, infatti, sono tutti costruiti su mid-tempos e sul groove, con riff di chitarra semplici, ma efficaci. Tra i gruppi di maggior ispirazione, la band fa riferimento nella propria biografia a nomi come Exilia e Katatonia (a mio avviso, aggiungerei anche i Deftones ed i Mudvayne).I brani che più mi hanno colpito sono stati “Demonize Me!” (interessante l’intro con i synth ed i campionamenti), “Into The Fire” (potente e cadenzata la ritmica), “Dust Childhood” (bellissimo il ritornello), “40 Bleeding Miles Distant” (molto diretto il riff principale) e la cover del brano “What Else Is There”, del progetto electro-funk Royskopp, riproposto in chiave personale e ben interpretato (bella la prova vocale di Nicky, che in questo brano si è cimentata in sonorità generalmente distanti dal sound degli Amantyde). Pur non essendo un amante del genere, quindi, riconosco comunque che questa band Cross-Over di Treviso sa muoversi bene nelle proprie sonorità, costruendo pezzi di buona qualità, bensì semplici e privi di soluzioni ricercate, che ovviamente il genere stesso non richiede.

Titolo: Bleeding Miles

Brani: 10 tracce

Anno: 2009

Produzione: Black Fading

Contatti: http://www.myspace.com/amantyde

 

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.