Menu

MISFITS - THE DEVIL'S RAIN BANDSTRIBE

 
ITA

Oggi vi parlerò di uno dei più graditi ritorni da parte di una band storica: i Misfits, che contro ogni aspettativa e contro molti pregiudizi da parte sia del pubblico, che della critica, i quali volevano il caro vecchio Jerry in pensione, presentano invece un album a mio avviso efficace e degno di nota, tenendo conto del fatto che non è affatto facile continuare una carriera lunga e piena di problemi interni come quella degli Horror Punkersamericani. Sono perfettamente cosciente che la formazione attuale non ha nulla a che fare con i Misfits dell’eraDanzig e Michael Graves, ma comprendo perfettamente la necessità di dover cambiare nel tempo per rimanere sulla scena, anche se ho nostalgia anch’io del passato glorioso della band; in ogni caso, in questo articolo vi parlerò del presente dei Misfits e della loro ultima opera: “The Devil’s Rain” è un album di 16 tracce nel classico stile Punk Rock della band con tematiche prettamente Horror, ma con elementi sia dell’Heavy Metal anni ’80 che del Surf Rock anni ’60. Il sound risulta infatti particolare per chi ascolta il disco con il ricordo delle vecchie sonorità dei Misfits, da cui si distacca: ho apprezzato la buona performance vocale di Jerry Only sul disco ed ho recentemente avuto occasione di vedere la band dal vivo proporre fedelmente i brani del nuovo album, compiacendomene. Tra gli highlight della nuova fatica discografica del trio americano, cito con lode “Ghost Of Frankeinstein”, brano veloce e costruito su ottime melodie, “Father”, giocato su un classico giro Punk con tematiche vampiresche, la title-track “The Devil’s Rain”, arricchita da sample e suoni di fondo molto suggestivi, “Vivid Red”, forte di un ritornello diretto e memorabile e “Death Ray”, rifinita a regola d’arte dalle melodie di Dez Cadena. Consiglio a chi non avesse ancora ascoltato il disco per paura di rimanere deluso, di concedergli invece una possibilità, perché ne vale la pena, ovviamente senza aspettarsi di ritrovare in esso le sonorità passate di cui vi ho già parlato nel preambolo.

ENG

Today I'll talk about one of the most welcome returns from a historical band: The Misfits, who against all expectative and against many prejudices on the part of both the public and the critics, who wanted Jerry retired, released instead an album in my opinion effective and worthy of note, taking into account the fact that it is not easy to continue a long career full of problems, such as the American Horror-punkers’ one. I am very conscious that the current lineup has nothing to share with Danzig’s and Michael Graves’ era, but I understand perfectly the need to change over time to remain on the scene, although I miss the glorious past of the band, but in any case, this article will tell you about Misfits’ present and their latest work: "The Devil's Rain" is an album of 16 tracks in the classic Punk Rock style of the band with themes typically Horror, but with elements of both the80’s Heavy Metal and 60’s Surf Rock. The sound is in fact particularly for those who listen to the disc with the memory of the old sounds of the Misfits, which detaches itself: I appreciated Jerry Only’s good vocal performance on the record and recently I had occasion to see the band live faithfully reproducing the songs of the new album. Amongst the highlights of the new recording by the American trio, I quote with honors "Ghost Of Frankeinstein", a fast track built on great melodies, "Father", played on a classic Punk-ride with vampire themed lyrics, the title track "The Devil's Rain", enriched by samples and background sounds very impressive, "Vivid Red", with a strong and memorable chorus and "Death Ray", finished in a workmanlike melodies by Dez Cadena. I advise those who had not yet heard the record for fear of being disappointed, to give it a chance, because it sounds good, obviously not expecting to find in it the sounds of the past which I have already mentioned in the preamble.

 

Title: The Devil’s Rain
Tracks: 16 Songs
Year: 2011
Production: Misfits Records
Contacts: http://www.misfits.com/
http://www.myspace.com/themisfits

Enrico Scarpettella

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.