Menu

CHAOS THEORY BANDSTRIBE

chaos theory-biodeath 

Chaos Theory creano un muro di suono impenetrabile e solido. Questo è forse un fattore negativo per chi cerca un po’ più di varietà e sperimentazione in un gruppo e li troverà un po’ noiosi, ma è sicuramente un genere che si presta molto alle performance live e che esprime molto bene rabbia e il bisogno di darle libero sfogo tramite la musica. I riff vanno dal più classico thrash metal a melodie più varie e personali, probabilmente per questo più coinvolgenti e interessanti all’ascolto. La band è tecnicamente competente e in particolare va lodata la batteria. La composizione è buona anche se forse un po’ monotona; alcune canzoni hanno tratti comuni che alla lunga si dimostrano un po’ pesanti e ripetitivi e gli urli prolungati conclusivi del cantante sono forse un po’ troppo frequenti. Non che la voce sia però un malus, anzi. La furia brutale e arrochita del cantante ammicca notevolmente allo stile di Tom Araya, storico cantante degli Slayer, e questo non può certo essere un male in un gruppo thrash. Il cantante da soprattutto il meglio di sé in pezzi come Dawn Of Death e Blooddeath. Apprezzato anche l’intro di Final Solution e l’arpeggio portante che sentiamo durante la conclusione dell’ultimo pezzo, Spyral. A chi è un amante del trash consigliamo di ascoltare Bio-Death e pronunciare il proprio verdetto.


Titolo: Bio-Death
Brani: 10 tracce
Anno: 2012
Produzione: Massacre Records
Contatti: http://www.myspace.com/ChaosTheoryThrash

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.