Menu

EMANUELE PINTUS & BUMBE ORCHESTRA - ISUS - BANDSTRIBE

10342502 10203667593081500 2051337538455574488 n

Quello che vi descriverò è senz’altro uno degli album più “strani” e particolari che abbia mai sentito. Questa volta è il turno di Emanuele Pintus e la sua Bumbe Orchestra. La cosa che mi è subito balzata all’occhio è la costante presenza del dialetto sardo nei brani, a partire dal titolo del disco, “Isus”; non vi nascondo le mie lontane origini sarde, ma non tradurrò alcunché in italiano, per due motivi: la scarsa conoscenza della lingua e per non distorcere il messaggio originale degli autori. Arriviamo però alla parte prettamente artistica: ci troviamo di fronte a un gruppo che, per ovvi motivi, è influenzato dal folk tipico sardo, ma c’è di più: nella traccia 2 ho potuto apprezzare l’insolita vena punk che mi ha lasciato piacevolmente sorpreso. Credevo fosse finita qui, ma mi sbagliavo, nella traccia 3 fa capolino l’elettronica; al di là del folk, che troviamo solo nei testi, sommando tutti questi elementi mi ritrovo a pensare a una band davvero poliedrica, voce un pò urlata e chitarre graffianti, nel complesso quindi un mix ben confezionato di tante cose vecchie e nuove, assolutamente da ascoltare per chi ama queste strane mescolanze sonore e per chi ama lo stile dei Gogol Bordello e dei Rancid (tanto per dirne un paio).

Di seguito, vi lasciamo il link al singolo che accompagna il CD, buon ascolto!

                                                           Federico Cardinali

        

Accedi or Iscriviti

Accedi con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.